Dolore Pelvico Cronico

Dolore Pelvico Cronico

Il dolore pelvico cronico è un insieme di sintomi, di cui il più importante è il dolore, che persistono da almeno 3 mesi.

Il dolore pelvico deriva da una serie di differenti meccanismi alcuni dei quali rimangono spesso misconosciuti. E’ proprio a causa di questa molteplicità di fattori che concorrono alla generazione del dolore, che si parla di “sindrome”. Nella “sindrome del dolore pelvico cronico” si distinguono cause sia psicologiche che fisiche. Queste ultime spaziano notevolmente tra cause urologiche (cistiti, prostatiti, uretriti, orchi-epididimiti, fattori iatrogeni); ginecologiche (endometriosi, vulvo-vaginiti, fattori iatrogeni); anorettali (proctiti, emorroidi, ragadi anali); neuromuscolari (neuropatia pudenda, patologia del midollo spinale sacrale); gastrointestinali (sindrome del colon irritabile, diverticolite, stipsi, morbo celiaco).

Il dolore è classicamente avvertito in sede pelvica e/o perineale con possibili irradiazioni a livello inguinale, lombare, genitale, sovracoccigea e sovrapubica. L’intensità e la frequenza della sintomatologia dolorifica varia da individuo ad individuo e può presentarsi associato a sintomi collaterali a carico dell’apparato urologico, ginecologico, genitale e/o digestivo.

Pertanto è assolutamente fondamentale recarsi a visita specialistica ed inquadrare il problema a 360° impostando la terapia più idonea.

Questa sindrome è solitamente una condizione altamente invalidante per la persona che ne è afflitta perché spesso, oltre al sintomo dolorifico, si associa una sofferenza psicologica che causa cambiamenti negativi nella vita del paziente. Donne e uomini con tale sindrome dolorifica spesso hanno anche disordini come ansia, depressione, limitazioni nella vita sociale come disfunzioni sessuali e impedimenti nello svolgere l’attività fisica e le attività quotidiane. Allo stesso modo, il dolore pelvico appare più comune dopo alcuni traumi.

La diagnosi della sindrome del dolore pelvico cronico è una diagnosi quasi sempre “da esclusione”. E’ necessario, quindi, indagare le possibili patologie a carico di ogni singolo organo escludendole fino ad arrivare ad una diagnosi mirata da cui dipenderà anche il trattamento.

La terapia della sindrome del dolore pelvico cronico prevede una vastissima gamma di farmaci e trattamenti:

– Analgesici semplici o neuropatici fino ad arrivare agli antidolorifici maggiori

– Fisioterapia per la riabilitazione del pavimento pelvico che prevede una vasta gamma di esercizi e tecniche di rilassamento efficaci sia nel sesso maschile che femminile

– Blocco neurale (di nervi periferici, perimidollare, del plesso lombare, del nervo pudendo, del plesso sacrale)

– Stimolazione elettrica dei nervi per via trans-cutanea (TENS): prevede l’impiego di un generatore di impulsi, degli elettrodi ed un amplificatore. L’impulso può essere liberato in modo continuo oppure con delle applicazioni di diversa entità. La stimolazione continua è preferibile nel trattamento del dolore.

– Neuromodulazione sacrale (SNS): ha mostrato avere dei benefici nei pazienti con dolore pelvico cronico soprattutto in quelli affetti da disfunzione del pavimento pelvico refrattario ad altri trattamenti.

 

Contributo a cura della dott.ssa Cristina Falavolti

PRENOTA UNA VISITA O RICHIEDI UN CONTATTO

Prenotazione immediata
Non serve carta di credito

COME RICHIEDERE UN RICOVERO

Richiedere un ricovero in S.S.N.
I ricoveri in regime di assistenza sanitaria nazionale possono essere accettati solo a seguito di specifica visita ambulatoriale; pertanto occorre prenotare una prima visita ortopedica in regime S.S.N. o privatistico presso i nostri ambulatori.
Può trovare istruzioni QUI.

Richiedere un ricovero mediante assicurazione convenzionata o come paziente solvente
I pazienti solventi ed i pazienti coperti da assicurazione possono contattare il nostro ufficio telefonicamente allo 06.3994.0411 o attraverso la Pagina Assicurazioni e Convenzioni.